TuscolanoToday

Statuario-Capannelle, sgomberati tre campi nomadi

Lo sgombero dei tre campi nomadi è stato effettuato dal Comune di Roma tramite la segnalazione del Comitato di quartiere. Gia previsti alcune progetti per la riqualificazione dell'area

Sono stati sgomberati nel quartiere Statuario-Capannelle tre campi nomadi, due nel quartiere Statuario ed uno nella zona di Capannelle.

- I TRE CAMPI - Il primo dei tre campi sgomberati, era posto all’ uscita di Via Lungro con via Appio Claudio e contava quaranta persone al suo interno.
Il secondo campo, formato da sessanta persone, era posto all’incrocio tra via Soverato e via Rombiolo.
Il terzo campo, di maggiore consistenza con i suoi cento nomadi, si trovava invece negli spogliatoi dell’ex campo Statuario e nei dintorni.

- LO SGOMBERO- Come spiega il Presidente del Comitato di quartiere di Statuario –Capannellle, Guerriero Latini:
 “lo sgombero è avvenuto per merito del Comune di Roma, sotto segnalazione del Comitato di quartiere senza l’opposizione del Municipio che ha collaborato. Lo spazio - spiega il Presidente- non correrà il rischio di una nuova occupazione poiché  il Comune di Roma provvederà alla delimitazione dell’area. “

- NUOVI PROGETTI- Iniziano a valutarsi nuovi progetti  di utilizzo sociale da sviluppare nell’area. Il lotto di proprietà delle suore elisabettine  sarà parte di un piano di riqualificazione dell’area.  Come afferma Latini:

“Le suore proprietarie del lotto stanno ultimando una convenzione tra privato e parte a scomputo, nella parte privata sarà previsto un pensionato e un asilo nella parte pubblica, invece, alcune strutture socio-culturali che verranno poi  destinate al quartiere previa presa in carico del Comune di Roma”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella zona che si estende vicino al Punto Amico di via Siderno,  spiega il Presidente del Cdq  “saranno costruiti degli edifici privati dando  gli oneri di urbanizzazione al Comune di Roma, che verranno destinati al comune sottoforma di strutture. Queste possono essere di varia natura come edifici polifunzionale con destinazione d’uso da valutare, biblioteche, sala congressi,  sala per giovani. Verrà inoltre realizzata una pista da ballo all’aperto in legno svedese  e un barbecue. L’area, aperta al pubblico, sarà messa a disposizione di chiunque  abbia voglia di utilizzarla”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Coronavirus, a Roma città 25 nuovi positivi al Covid19: 34 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento