TuscolanoToday

Aeroporto di Ciampino, presentato il nuovo Piano di Sviluppo

E’stato presentato ieri, nelle sale dell’aeroporto di Fiumicino, il nuovo Piano di Sviluppo relativo al fratello minore di Ciampino: brutte notizie per i residenti del Municipio X, Marino e Ciampino

Le pagine del Piano di Sviluppo relative all’aeroporto di Ciampino, presentate ieri al Leonardo Da Vinci di Fiumicino,  mostrano una prospettiva grigia per tutti gli residenti limitrofi all’aeroscalo: emerge chiaramente, infatti, una crescita esponenziale del traffico aereo che nel 2019 dovrebbe raggiungere i 2000 voli in più, mentre nel 2044 addirittura i 20.000. Programma che in molti non prenderanno bene, considerati i livelli già alti di inquinamento presenti nella zona.

CITY AIRPORT - Nel progetto, l’aeroporto di Ciampino, dovrebbe poi trasformarsi in un ‘City Airport’ che, a fronte di un ridicolo ridimensionamento delle tipologie di aerei utilizzati, potrà ospitare gli atterraggi anche dei mastodontici B 747 Jumbo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INQUINAMENTO - I livelli di inquinamento, registrati dalla Conferenza dei Servizi 2010 nelle zone limitrofe all’aeroporto di Ciampino, sono risultati fuori norma. Secondo alcuni dati ben 14.500 cittadini sono colpiti da tale minaccia, di cui circa  2.500 vivono in abitazioni, con regolari licenze edilizie, dove l’inquinamento acustico prodotto dal traffico aeroportuale supera ampiamente i limiti di legge. Inquinamento acustico che probabilmente aumenterà in futuro per molti cittadini di Marino, Ciampino e del Municipio X.

LAVORI NOTTURNI - A pagina 37 dell’allegato tecnico al Contratto di programma 2012-2021 si apprende, infatti, la necessità di interventi che garantiscano “la piena operatività in sicurezza”: ciò vuole dire che ci saranno rumorosi lavori notturni, previsti dal Piano di Sviluppo sulle infrastrutture, che potrebbero tormentare le notti di molti.

Tutto questo è stato ormai deciso e verrà applicato come da legge. Sono comunque numerose le richieste di intervento rivolte al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera, al Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, al Ministro della Sanità, Renato Balduzzi , al Ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, al Presidente della Regione Lazio e ai Sindaci dei comuni colpiti, di intervenire a tutela dei cittadini che sono, e saranno, danneggiati da questo Piano di Sviluppo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

Torna su
RomaToday è in caricamento