TuscolanoToday

Municipio VII: dal Comune una bocciatura per la Commissione Speciale PRINT

L'Organismo di Revisione Economico Finanziaria di Roma Capitale ha diffidato il Municipio VII dal pagamento dei gettoni di presenza per la commissione sui PRINT, suggerendo anche l'opportunità di sospenderne i lavori

La Commissione Speciale PRINT, sulla cui istituzione si è giocata una delle partite più dure nel Municipio VII, potrebbe dover chiudere la propria esperienza. L' OREF,  l'Organismo di revisione economico finanziaria del Comune, ha mandato una diffida alla Direzione dell'ente di prossimità. Nel documento si chiede di "sospendere il pagamento dei gettoni di presenza" previsti per la Commissione.

OREF E CORTE DEI CONTI - Nella lettera citata, si fa riferimento anche ad un'altra questione. I revisori capitolini chiedono infatti al Municipio di valutare l'opportunità di proseguire con la Commissione di cui si suggerisce di prendere in considerazione anche la sospensione delle riunioni. Nel comunicare la propria posizione, l'OREF ricorda di essere in attesa delle determinazioni della Procura Generale dei Conti. La vicenda  dunque, potrebbe offrire ancora altri spunti.
 
LA VICENDA - L'iniziativa odierna,è stata salutata con soddisfazione da alcuni esponenti del Comune e del Municipio. A livello Capitolino, si registra il commento di Daniele Frongia, Presidente della Commissione Speciale per la Riforma e la Razionalizzazione della Spesa. "Lo scorso 10 luglio il municipio VII istituiva un'inutile commissione speciale denominata Print, ovvero Piani di Recupero Integrati" ricorda il Consigliere Pentastellato che aggiunge di averne "proposto l'immediato scioglimento, al fine di evitare l'ennesimo spreco di denaro pubblico". Infatti  "le competenze ad essa assegnate - sottolinea Frongia -  erano le medesime della commissione Urbanistica".

LA RIVINCITA DEL M5S - Il Portavoce Pentastallato si toglie poi qualche sassolino dalla scarpa. E lo fa rammentando come "alcuni mesi prima, il PD aveva proposto di eliminare la commissione Spending, oltre che quella Trasparenza. Per fortuna non ci sono riusciti e ciò ha permesso ai 5 stelle di far chiudere una commissione  illegittima nel VII municipio. Prima ci hanno ignorato, poi ci hanno deriso ed infine  - commenta sarcastico  Daniele Frongia - gli abbiamo fatto chiudere le serrande".

LE DUE POLITICHE - Una certa soddisfazione è stata espressa anche dal Vicepresidente del Consiglio Municipale Davide Tutino. "Questo risultato  è stato raggiunto a seguito della battaglia politica condotta in primis dalla Lista Civica Marino, appoggiata da altri consiglieri e, soprattutto, con forza e rigore dal consigliere capitolino pentastellato Daniele Frongia. È una vittoria della buona politica del Municipio ed una sconfitta delle politiche di spartizione"chiosa Tutino, che poi ringrazia  " i colleghi che con me ebbero la forza di non votare quella delibera ovvero il Presidente Fantino ed i Consiglieri Laddaga, Benassi, Poli, Carrus,Cofano, Giuliano, Lozzi e Coia".

Potrebbe interessarti

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l’ambiente

  • Come vestirsi ad un matrimonio d'estate: consigli di stile

I più letti della settimana

  • Giallo di Torvaianica, il compagno di Maria Corazza ha incontrato tre persone venerdì mattina

  • Perde il controllo della moto e finisce contro il guardrail: morto 27enne romano

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 15 e domenica 16 giugno

  • Interrogatori, autopsia e filmati delle telecamere di sorveglianza: giallo di Torvaianica verso la svolta

  • La tanica di benzina nei filmati di videosorveglianza: svolta nel giallo di Torvaianica

  • Rapina al McDrive, poi la fuga e lo schianto in scooter

Torna su
RomaToday è in caricamento