TuscolanoToday

Rischio idrogeologico: entro febbraio terminato il nuovo ponte. E' costruito sul fosso di via Spadola

Proseguono gli interventi per la realizzazione dell'infrastruttura, fondamentale collegamento danneggiato dall'esondazione d'un fosso. Lozzi (M5s):"Zona a rischio, i lavori sono per migliorare la sicurezza"

L'esondazione del fosso di Sant'Andrea è un fenomeno tristemente noto ai residenti di Casal Morena. In più occasioni il corso d'acqua, superando i propri arigini, è tracimato nelle strade provocando serie conseguenze sul piano della viabilità ma anche della sicurezza. 

I danni provocati dall'esondazione

Nel settembre del 2017, a causa di un'esondazione, i residenti sono rimasti senza forniture di acqua e gas. Il fango è penetrato anche in alcune abitazioni danneggiando gli arredi domestici. Per riportare l'area nella normalità, servirono diverse giorni. E non furono pochi i danni per i residenti costretti a portare al macero i propri mobili.

Il ponte danneggiato

Per arginare i disagi causati dall'esondazione di un fosso, in gran parte interrato, il municipio VII ha deciso di demolire e ricostruire integralmente il ponte di via Spadola. "Aveva subito un cediment o– ha spiegato la presidente Monica Lozzi – e quindi appena eletti abbiamo avviato l'iter burocratico per rifarlo. Per opere del genere è particolarmente lungo – ammette la minisindaca – ma siamo riusciti a far partire il cantiere già qualche mese fa".

Il rifacimento del ponte

I lavori per la realizzazione del ponte sono quasi terminati. "Siamo arrivati alla fase strutturale conclusiva – spiega a Romatoday l'assessore  municipale ai Lavori pubblici Salvatore Vivace – ovvero al getto del cemento. Poi ci vorranno 27 giorni almeno per permettere al cemento stesso, come si dice in gergo, di tirare". Le operazioni ancora necessarie, non si limitano a quest'intervento. "In queste settimane – ha fatto sapere l'assessore – le aree verranno consegnate alle varie sottoservizi, come Telecom, Areti ed Acea Idrica, che faranno il cablaggio dei loro cavi definitivi". Completata quest'operazione il municipio sarà impegnato nei lavori di rifinitura. 

Il report sul rischio idrogeologico di Roma

La priorità della sicurezza

"Siamo consapevoli del disagio che provoca la chiusura di questa strada – ha riconosciuto la presidente Lozzi – ma questa è una zona a rischio sul piano idrogeologico, per gli allagamenti che si creano a seguito delle alluvioni". Una corretta realizzazione del ponte è quindi necessaria per garantire la sicurezza di chi abita quella zona, compresa tra via Tuscolana e via di Casal Morena. Termine dei lavori ? "Approssimativamente entro febbraio" promette la Minsindaca. Poi la strada sarà riaperta ed i disagi e la viabilità, anche in previsione di successive esondazioni, non dovrebbe subire particolari disagi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    VIDEO | Sgombero ex Penicillina, alba blindata sulla Tiburtina: il ghetto però era già vuoto

  • Cronaca

    Ex Penicillina, lo sgombero è a portata di telecamera: il ghetto è vuoto, è lo show di Salvini

  • Politica

    Sgombero ex Penicillina: occupanti dispersi nel IV municipio, ma per la presidente Della Casa è meglio così

  • Politica

    Rifiuti, a Roma la raccolta differenziata cresce ma poco: nel 2017 al 43,2 per cento

I più letti della settimana

  • Blocco traffico Roma: 8, 9, 10 dicembre stop ai veicoli più inquinanti

  • 8 dicembre a Roma, centro blindato: il Papa a piazza di Spagna, Lega a Piazza del Popolo

  • Ubriaco perde il controllo dell'auto e finisce sulla scalinata di piazza di Spagna

  • Totti in visita al Bambino Gesù: "Vi aiuterò a costruire il nuovo ospedale"

  • Tentato furto in metro, donna pestata da un passeggero davanti alla figlia

  • Week end dell'Immacolata a Roma: che fare sabato 8 e domenica 9 dicembre

Torna su
RomaToday è in caricamento