homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Tuscolano Today

Morena, esonda il fosso di Sant'Andrea: centinaia di cittadini imprigionati nel quartiere

Gli abitanti di via Spadola costretti all'interno delle proprie abitazioni. La mancata pulizia del fosso, la caduta di un tronco, unita alla messa in sicurezza precaria del ponticello, le cause dell'allagamento

I fossi che circondano Morena tornano a preoccupare gli abitanti del popoloso quartiere del VII municipio. La pioggia di questa notte ha allagato la marana della  botte di Sant'Andrea che si è ingrossata fino ad esondare e ad allagare le strade del quartiere. A farne le spese i residenti di via Spadola. "Un centinaio di persone", racconta una cittadina, "questa mattina sono rimaste letteralmente prigioniere del quartiere". Alle 8.30 infatti le tre uscite dal quartiere, via Tuscolana, via Casal Morena e via dell'Acqua Acetosa Anagnina, risultavano bloccate. 

Le prime due allagate, la terza per un mezzo Ama impantanato. Tanti i ragazzi che non hanno potuto raggiungere le scuole, così come tanti lavoratori sono rimasti bloccati nel quartiere. 

A causare l'esondazione del fosso, raccontano i cittadini, da un lato la sua mancata pulizia, dall'altro la precaria messa in sicurezza di un ponticello, chiuso quindici giorni fa dai vigili del fuoco. Come è possibile vedere dalle foto del letto della marana, tronchi d'albero, bottiglie, pezzi di legno e rifiuti vari sono rimasti impigliati nella rete arancione che segnava il blocco del ponticello. Una sistemazione precaria che non ha consentito il normale deflusso delle acque. A peggiorare la situazione il crollo di un albero che ha ostruito l'alveo della marana.

"Il problema non è di oggi – commenta Rocco Stelitano, Vicepresidente della Commissione Lavori Pubblici, presente sul posto –  Da sedici giorni sto seguendo questa vicenda, venerdì è anche intervenuto l'ufficio tecnico e purtroppo devo dire che nessuno ha fatto quanto avrebbe dovuto. Il risultato – fa notare il Consigliere – è sotto gli occhi di tutti. Ne fanno le spese i residenti e le tante attività che popolano quella zona industriale, dai tipografi ai marmisti". 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Scontro aperto sui rifiuti, Fortini: "Malagrotta potrebbe riaprire"

    • Centro

      "Agevolare l'accesso dei bus turistici": polemiche sul programma della giunta Raggi

    • Cronaca

      Scoppia una tubatura a Garbatella: strada chiusa e case senz'acqua

    • Cronaca

      Riciclaggio e tassi usurai al 150 per cento: sedici arresti a Roma

    I più letti della settimana

    • Torre Spaccata, nessuno ha le chiavi e l'Inail non apre: tensione tra utenti e personale

    • Rapina al Quadraro: accoltellato titolare di un minimarket

    • Incendio al Quadraro: appartamento distrutto dalle fiamme

    • Quadraro: con la musica e la cultura i residenti si riprendono il parco di Monte del Grano

    • Tuscolano, torna a casa ubriaco e picchia la moglie: arrestato 32enne

    • Cultura e archeologia petrolio del VII municipio: dal Quadraro si punta alla valorizzazione

    Torna su
    RomaToday è in caricamento