TuscolanoToday

Appio Claudio: dalle medie di Circonvallazione Tuscolana si esce solo accompagnati

A breve gli studenti non potranno più rincasare da soli

La scuola media di Circonvallazione Tuscolana

Da scuola si esce solo se accompagnati. Da lunedì 23 ottobre gli studenti delle medie di via Lemonia, potranno lasciare l'istituto soltanto in presenza dei genitori. In alternativa, ai cancelli potranno presentarsi delle persone delegate, a condizione che la loro identità sia stata preventivamente comunicata. Le disposizioni, comunicate alle famiglie dalla diregente scolastica dell'Istituto Comprensivo Parco degli Acquedotti, sono piuttosto stringenti.

Cosa prevede la legge

C'è un motivo se si è scelto d'intraprendere una strada recentemente percorsa anche da altri istituti. C'è un vuoto legislativo. Meglio, per dirla con le parole della preside "esistono evidenti lacune nella normativa". Tuttavia sono  "colmate da sentenze di numerosi tribunali, tutte con lo stesso orientamento in proposito". Indicano cioè nella figura del docente, un soggetto penalmente rilevante. D'altra parte, come scritto nella lettera inoltrata alle famiglie, l'articolo 591 del Codice penale non lascia molto spazio ai fraintendimenti. "Chiunque abbandona una persona minore di 14 anni e della quale abbia costudia o debba everne cura - si legge nel citato articolo - è punito con la reclusione da 6 mesi a 5 anni". Cosa fare dunque, dal momento che non viene concessa la possibilità di fornire neppure delle liberatorie? Il problema non è di semplice risoluzione. D'altronde non è scontato che due genitori, lavorando,  abbiano la possibilità di lasciare i figli ai nonni o agli zii. Cosa ancor più vera, per quelle famiglie che hanno i propri congiunti in altre città. Un fenomeno tutt'altro che raro nella Capitale.

Gli effetti sulla viabilità della Tuscolana

La scelta intrapresa della dirigente, apre il campo ad una serie di obiezioni. In primo luogo, visto che gli alunni escono grosso modo alla stessa ora, si pone il tema del traffico fuori dalla scuola. Ad oggi alcuni di loro sono abituati infatti a tornare a casa autonomamente. "E' stato previsto l'ausilio della polizia municipale visto che, all'uscita di scuola, si presenteranno tutti insiemi 600 persone, tra genitori e delegati?" vuola sapere una mamma, la signora Laura Denunzio.  

Responsabilità e liberatorie

La decisione della preside, pone sul piatto anche altre questioni, Come quella relativa alla tracciabilità dei cosiddetti delegati.  La signora Denunzio sottolinea infatti l'importanza di tenere un registro dei delegati. Questo perchè, se si vuole essere sollevati dalle responsabilità, occorre "avere una traccia di chi si è presentato". Con il passare dei mesi, potrebbe però divenire particolarmente oneroso gestire questo registro. D'altra parte, occorre prendere fare un ragionamento anche sul sistema delle liberatorio. Per la dirigente scolastica, pensare di autorizzare i figli a lasciare l'istituto da soli, non rappresenta un'opzione praticabile. "Gli atti impropriamente definiti “liberatorie”, in cui i genitori dichiarano di assumersi ogni responsabilità sollevandone la scuola – spiega la preside nella lettera inoltrata alle famiglie – non hanno alcun valore giuridico in sede di accertamento della presenza o meno di una responsabilità penale dell’insegnante preposto alla sorveglianza del minore affidatogli". Ma allora, viene obiettato, "neppure il foglio che firmiamo per mandare i nostri figli in gita è più valido" obietta ancora una volta la signora Denunzio , "perchè serve a sollevare la scuola dalle responsabilità".

Le soluzioni

In generale, sottolinea la mamma, "è fondamentale un'uniformità di comportamento delle scuole": E quindi, in una prospettiva di medio termine, occorre colmare quelle lacune normative, cui anche la preside aveva fatto riferimento. Nell'immediato, i genitori potranno avanzare le loro obiezioni nell'organo loro preposto: il Consiglio d'Istituto. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Franco
    Franco

    Ho 60 anni e sono vissuto in un periodo in cui i padri lavoravano e le madri svolgevano il loro compito di casalinghe, cercando di arrotondare con piccoli lavori domestici, sartoria. Alle elementari venivamo accompagnati a scuola dalle mamme ma con la prima media venivamo responsabilizzati e con fierezza ci recavamo a scuola senza essere accompagnati ma in compagnia dei nostri amici. L'insegnante era rispettato dai genitori come da noi alunni. Erano anni simili agli odierni con uguali pericoli stradali, tensioni sociali, droga e bullismo. Ormai al giorno d'oggi anche in piccole controversie si ricorre alla legge, si sente fortemente la responsabilità di ogni azione. Che debbo dire invece di essere cresciuti siamo ritornati alla preistoria ma la colpa è di tutti noi, con le nostre paure ed insicurezze.

    • Avatar anonimo di LaPrimavera
      LaPrimavera

      Esattamente.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Appio Latino: in fiamme appartamento, ragazzo trova riparo sul cornicione. Salvato

  • Cronaca

    Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

  • Politica

    Ater, stop alle occupazioni: videoserveglianza per alloggi ed attività commerciali

  • Cronaca

    Violenza sessuale fuori la discoteca: la 21enne stuprata da tre ragazzi in uno sgabuzzino

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro, bus e Cotral a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Atac: domani stop serale di Roma-Lido e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Attivi bus navetta

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

Torna su
RomaToday è in caricamento