TuscolanoToday

Don Bosco: occupati i 250 mq dello storico negozio Bonfantini. Insorge il M5S

Nel fine settimana occupato un altro negozio in via San Giovanni Bosco. Nonostante le interrogazioni del M5S e le segnalazioni dei residenti, non cambia niente: “Non sappiamo più come mettere in evidenza il tema, c’è il rischio che si degeneri”

Foto: Google Maps

Ancora un’occupazione negli ex negozi di Don Bosco. L’ennesima. A novembre la cifra si aggirava attorno ai 18 locali. I mesi sono passati ed il numero dovrebbe essere cresciuto. Sicuramente è aumentato di un’unità poiché, nel corso del fine settimana, è stato il turno di Bonfantini, lo storico negozio di elettronica di  via San Giovanni Bosco.

SITUAZIONE FUORI CONTROLLO - “Non so più come fare per porre il tema all'attenzione della Presidenza del Municipio  - ci scrive la Capogruppo M5S Monica Lozzi – affinché interessi concretamente gli organi comunali che hanno potere per intervenire sulla situazione ormai fuori controllo”. E che sia fuori controllo, il Movimento Cinque Stelle ha provato a ribadirlo in tutti i modi. Attraverso una mozione portata in aula a novembre. E negli scorsi mesi, con un’interrogazione molto circostanziata.

REATI IPOTIZZATI - Nel testo, sottoposto all’attenzione del Presidente Fantino, si ricordano le denunce dei condomini in merito ad “attività illecita all'interno di alcuni dei locali occupati”. In particolare nel documento si è fatto riferimento allo “spaccio di droga nei locali lato strada; la prostituzione prostituzione nei locali interrati e ad un business  illegale, legato alle occupazioni abusive, dove vengono richiesti circa 6000 euro per ogni apertura delle  serrande dei negozi da occupare  - oltre ad un - canone mensile alle persone che abitano i negozi e si trovano in emergenza abitativa”. Le informazioni riportate nell’interrogazione, potrebbero rappresentare fatti già noti alle Forze dell'Ordine. In effetti si fa notare l'esistenza di  "tre esposti alla Procura, due alla Polizia Municipale per abusi edilizi (5/4/2013 e 8/3/2013)  -  e poi -  denunce all'INPS,  interventi delle Forze dell'Ordine e dei Vigili del Fuoco”. Inoltre, leggiamo nel testo dell’interrogazione municipale “I residenti denunciano continue minacce verso chi tenta di segnalare e risolvere la situazione di  irregolarità”.

L'OCCUPAZIONE DI BONFANTINI - L’ennesima segnalazione, questa volta fatta da una residente alla Consigliera a Cinque Stelle, ha riguardato uno stabile “di almeno 250 mq su due piani”: Bonfantini. Dunque non una struttura che possa passare inosservata. “Quelle occupazioni, purtroppo, celano dietro al problema dell'emergenza abitativa un problema di criminalità già più volte denunciato anche dagli abitanti della zona. La politica non vuole prendere posizione – ci ha spiegato la Capogruppo M5S  –  perché ha paura di mettersi contro tutti i movimenti e le persone che vivono il problema dell'emergenza abitativa”.

LA POSSIBILE DEGENERAZIONE - L’esistenza di un’ emergenza abitativa che colpisce larghe fasce della popolazione romana, non deve però saldarsi con episodi di criminalità.  Ed infatti, la consigliera del M5S ha ricordato di aver “più volte sottolineato il fatto che i principali movimenti per la casa hanno da sempre preso le distanze dalle occupazioni di quei negozi- ha rimarcato Lozzi, preoccupata che   - la situazione degeneri anche da un punto di vista della sicurezza e della legalità”.

IL DESTINO DEGLI OCCUPANTI - Ma la preoccupazione del gruppo consiliare a Cinque Stelle, era anche per chi quei locali li ha occupati. “Noi, nella mozione, non abbiamo chiesto di mettere in mezzo a una strada chi non aveva casa,  ma di interessare il dipartimento competente affinché prendesse in carico le famiglie in emergenza abitativa”. Richiesta maturata anche dall’esigenza di “ lasciare più libertà d'azione alle Forze dell'Ordine per intervenire sui casi di illegalità presenti in quei negozi occupati”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento