TuscolanoToday

Quadraro, in piazza dei Tribuni sono rimasti solo dodici box: si va verso il trasferimento del mercato

Sono sopravvissute solo il trenta percento delle attività che, negli anni Sessanta, davano vita al mercato. Lozzi: “Non vogliamo danneggiare gli operatori rimasti, pronti ad ascoltare le loro richieste”

I box irrimediabilmente carbonizzati sono stati rimossi. E lo stesso destino è capitato a quelli che, da tempo immemore, non sollevavano più la saracinesca. In piazza dei Tribuni sono rimasti solo 12 banchi. Dieci se si escludono i chioschi dei fiorai.

La situazione

“Gli operatori rimasti pagano correttamente l’occupazione di suolo pubblico, canone che deve essere corrisposto anche alle aree private destinate al pubblico transito. Quindi hanno tutto il diritto a restare al loro posto” ha premesso Monica Lozzi, la presidente del Municipio VII. “Però è oggettivamente difficile far proseguire questa situazione di promiscuità, con gli operatori che stanno su una piazzola il cui proprietario ha un contenzioso legale con l’amministrazione cittadina”.

La crisi del settore

C’è una difficoltà ulteriore, rispetto a quella che frequentemente viene riscontrata negli altri mercati cittadini. Oltre alla concorrenza della grande distribuzione, alla crescente diffusione dei centri commerciali, al cambio degli stili di vita dei suoi clienti, il mercato di piazza dei Tribuni paga anche lo scotto di un’area che, l’amministrazione, fatica a riqualificare.

La riqualificazione possibile

“Noi possiamo intervenire per migliorare la sicurezza stradale su quella piazza, ma anche per abbellirla con qualche arredo che sia removibile, con delle fioriere o eventualmente delle panchine – ha spiegato Lozzi – però la condizione per farlo è che la piazza sia liberata. E questo dipende soprattutto dalla volontà di chi ci lavora”. Ma sono rimasti in pochi a farlo.

Il declino del mercato

Il mercato del Quadraro, nato in maniera spontanea negli anni Sessanta, offre oggi lavoro ad un terzo dei commercianti un tempo presenti. “Abbiamo già provveduto alla demolizione in danno dei chioschi che non erano in regola con il versamento delle quote. Erano chiusi da molti anni e la loro presenza aveva finito anche per degradare la piazza” ha ricordato l’assessore al commercio Piero Accoto. Dei trentasette che erano stati autorizzati ad esercitare in piazza dei Tribuni,ne sopravvive solo un terzo.

Il dialogo

“Abbiamo incontrato gli operatori rimasti, per avviare con franchezza un confronto. Nessuno vuole danneggiarli. Sono persone che lavorano e quindi, al contrario, vanno tutelati. Come amministrazione ci siamo messi a disposizione per ascoltare le loro richieste e qualcuno sta già valutando l’idea di trasferirsi. Abbiamo tanti altri mercati nel territorio su cui stiamo investendo per progetti di riqualificazione, da Colli Albani a Metronio. Il posto non manca”.

Il futuro della piazza

Il rilancio del mercato di piazza dei Tribuni, quindi, non sembra essere nell’agende del Municipio. Più probabile un suo trasferimento. I tempi, però, sono tutti da definire. Nel presente i dodici operatori restano al loro posto. Ne hanno diritto. Ma potrebbero scegliere di andarsene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus, 1901 casi positivi nel Lazio. A Roma trend dei contagiati in calo

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

Torna su
RomaToday è in caricamento