TuscolanoToday

Sotto il tombino c’è una fogna interrata e le cantine si allagano

La scoperta del Municipio VII intervenuti per risolvere il problema del malfunzionamento di una caditoia. Assessore Vicace (M5s): “Abbiamo dovuto creare un pozzetto per intercettare la fogna interrata”

Erano andati con l’intenzione di liberare una caditoia dai classici detriti. Invece delle solite foglie gli operai intervenuti a Piazza San Giovanni Bosco hanno trovato una sorpresa. Sotto la piastra di ghisa era sparito l’accesso al condotto fognario.

L'allagamento delle cantine

"Ci siamo recati a Don Bosco perché i residenti ci hanno più volte segnalato che, quando piove, si allagano le cantine condominiali” ha spiegato Salvatore Vivace, assessore ai lavori pubblici del Municipio VII. Il principale indiziato di questo disagio era una caditoia intorno alla quale tendeva a ristagnare l’acqua piovana. Ma anziché utilizzare il classico canal jet per ripulirla, gli operai del municipio hanno dovuto mettere mano ad un martello pneumatico.

Le fogne interrate

“Quello che abbiamo scoperto è che l’impianto fognario sotto al tombino era stato interrato. Non avendo alcuna mappatura di quella fogna  – ha dichiarato Vivace  –  abbiamo dovuto procedere con delle videoispezioni ed una volta verificato che la fogna era effettivamente stata murata, abbiamo iniziato a realizzare un pozzetto d’ispezione, per provare ad intercettarla”.

Un lavoro imprevisto

Per risolvere il disagio dei residenti a cui si allagavano le cantine, il lavoro non è stato semplice. “Purtroppo – ha sottolineato l’assessore municipale – per rimediare agli interventi fatti male del passato, ci troviamo a spendere più soldi trasformando quelli che dovevano essere interventi di semplice routine – come la pulizia di una caditoia – in un’operazione complicata, che crea ulteriori disagi alla cittadinanza”. 

La prossima chiusura stradale

Per completare l’intervento, ha fatto sapere il Municipio, nei prossimi giorni sarà necessario chiudere un tratto di strada in piazza San Giovanni Bosco. Servirà per consentire agli operai di scavare in profondità, fino ad intercettare il condotto fognario. Poi, finalmente, le acque potranno defluire al suo interno, senza ristagnare intorno alla caditoie e, soprattutto, senza allagare le cantine dei condomini circostanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Thomas Adami e Matteo Calabria, i due giovani calciatori morti su via Tiburtina: Tivoli e Guidonia sotto shock

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 25 e domenica 26 gennaio

  • Smog: blocco del traffico a Roma, stop tre giorni ai veicoli più inquinanti nella Fascia Verde

  • Incidente sulla Tiburtina, scontro tra una Panda e un bus Cotral: due morti

Torna su
RomaToday è in caricamento