TuscolanoToday

Tuscolana liberata, ambulanti in municipio: si vagliano alternative, ma indietro non si torna

Al posto degli ambulanti arriverà la nuova ciclabile

Viale Tito Labieno: la nuova sede per 14 bancarelle

Gli operatori non ci stanno. E lo hanno mostrato in tutti i modi. Il trasferimento dei banchi dalla via Tuscolana rappresenta per questi ambulanti una scelta inaccettabile. Lo hanno ricordato a muso duro al consigliere Capitolino Andrea Coia nel corso della mattinata. E lo hanno ribadito alla presidente Lozzi durante un successivo incontro convocato in Municipio VII.

La bike lane

"La Tuscolana è out -  ha spiegato la minisindaca  - perchè a marzo partiranno i lavori per la ciclabile". Una decisione che viene difesa con i denti dall'amministrazione pentastellata. Anche perchè  "non comporterà la sottrazione di posti auto", ma semplicemente un restringimento della carreggiata. I parcheggi saranno realizzati a fianco della ciclabile: tre chilometri dall'arco di Travertino a Cinecittà, delimitati da appositi cordoli. Ne consegue che la consolare sarà ristretta, in modo utile per scoraggiare anche le doppie file. I marciapiedi invece, senza la presenza degli ambulanti, saranno a disposizione dei pedoni.

La trasformazione della Tuscolana

"Noi vogliamo trasformare la Tuscolana in una sorta di via del Corso. E' una scelta politica di quest'amministrazione, vogliamo cioè che diventi una strada del commercio". Di quello dei negozi di prossimità che, fino ad oggi, hanno dovuto fronteggiare la concorrenza degli ambulanti. E' una scelta politica, è stato più volte ribadito. Magari impopolare, stando a sentire quegli operatori che per tutta risposta hanno ipotizzato uno sciopero di oltre mille ambulanti. Più probabilmente però, a giudicare da com'è stata commentata la notizia dai residenti, appare come una decisione da molti attesa.

Le proposte alternative

A nulla sono dunque valse le proposte fatte dai rappresentanti degli operatori, accorsi nella sala rossa di Cinecittà. C'è chi si è dichiarato disponibile a tagliare drasticamente la dimensione degli stalli su via Tuscolana, per ridurre l'ingombro  Qualcuno ha proposto l'alternativa di via Fullvio Nobiliore, subito bocciata dalla Minisindaca perchè "quella strada versa già in condizione critiche". Altri hanno ricordato che le licenze, rilasciate cinquant'anni prima, sono ormai storiche e vanno tutelate. 

Un'opzione da verificare

E' stata invece accolta la proposta di valutare altre opzioni. "Non ho preso alcun impegno, ma ho detto agli operatori che  andrò a verificare se ci sono delle strade limitrofe in grado di ospitare una parte dei banchi". Finita questa ricognizione, "indicherò ai miei uffici il civico e le proposte saranno così verificate a livello tecnico, per vedere se sono accoglibili". Si tratterà comunque di una piccola parte, solo per mostrare agli ambulanti "la buona volontà del Municipio". Venerdì 19 è previsto un aggiornamento sulla vicenda.  Ma la possibilità che gli ambulanti possano tornare sulla vecchia sede stradale, al momento, non sussiste. "La Tuscolana è out".

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

Torna su
RomaToday è in caricamento