menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Tuscolano Today

La Fantino sta con il Corto Circuito: "Sia riconosciuto il valore di queste realtà"

Il Presidente del Municipio VII ha solidarizzato con il "muro popolare" che questa mattina è sceso in piazza. Fantino: "Queste realtà si sono prese cura degli spazi, li hanno valorizzati ed in alcuni casi hanno creato anche lavoro. Gliene va dato atto"

La protesta del Corto Circuito e delle altre realtà che sono minacciate di sgombero ha fatto breccia in Municipio VII. Megafono alla mano, anche la Presidente Susi Fantino è scesa in strada, per partecipare all'assemblea improvvisata davanti la sede del Municipio. I manifestanti hanno posto due temi, quello della moratoria e quello di un comitato che possa vigilare su quanto accade nel territorio. E su entrambe le richieste, hanno trovato la convergenza della Minisindaco.

DECISIONI CONTRASTANTI - Si parte da una premessa. "La città è commissariata, i municipi no ma risentono della difficoltà d'interlocuzione politica – ammette subito Susi Fantino – detto questo io credo che bisogna dare una risposta a tutte quelle realtà sociali che nel territorio si sono messe in rete. I cittadini si chiedono come sia possibile che in una città commissariata vengono prese decisioni del genere. Sono in contrasto – riconosce Fantino – con quelli che erano gli impegni assunti durante le elezioni precedenti,quando parlavamo del riconoscimento sociale dei beni comunali".

IL VALORE DELLE REALTA' SOCIALI - Molte delle esperienze, ora minacciate dalla delibera 140, si sentono in credito con l'amministrazione cittadina e non certo in debito. Una linea che sembra sia condivisa anche dalla Presidente del Municipio VII. "Non lo dico solo io, anche il Prefetto Gabrielli  ha recentemente riconosciuto che queste realta hanno giocato un ruolo di presidio culturale e democratico. In molte occasioni poi, non solo si sono prese cura degli spazi, riuscendo a valorizzarlo, ma hanno anche creato occasioni di lavoro. Insomma – conclude l'intervista il Presidente del Municipio VII – io credo che questo valore debba esser loro riconosciuto e mi auguro che anche le altre realtà del nostro territorio, a partire dai Comitati di Quartiere, possano unirsi in questo percorso".

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Meteo a Roma, forte vento sulla Capitale: allerta della Protezione Civile

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Appia, motociclista contro auto: morto decapitato

    • Cronaca

      Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

    • Cronaca

      Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

    Torna su