TuscolanoToday

Cinecittà, smantellata una baraccopoli. Il Municipio se la prende con Frascati: “L’area è loro”

Per la terza volta in meno di un anno è stato sgomberato un insediamento abusivo in via Accorsio. Lozzi: “Per noi così è difficile. Il Comune di Frascati, proprietario dell’area, la sorvegli”

La baraccopoli di via Occorsio è stata smantellata. A poca distanza dai palazzi di via Eudo Giulioli, in un’area verde nascosta alla vista, si era nuovamente formato un insediamento abusivo. E per la terza volta, dal 2019, è stato rimosso.

Le operazioni

L’intervento è stato condotto, nella giornata del 4 giugno,  in sinergia dal VII Gruppo Tuscolano di Polizia Locale, dai PICS e dal Dipartimento ambiente che il municipio ha sollecitato e ringraziato “per averci fornito i mezzi adatti”. I tentativi dell’ente di prossimità di riqualificare la zona, anche attraverso l’apertura della strada il cui accesso da via Tuscolana è rimasto per molti anni chiuso dai jersey di cemento, si scontrano con il continuo formarsi degli insediamenti abusivi.

L'assenza di controllo

“Abbiamo più volte provato a sollecitare il Comune di Frascati affinché intervenisse, ma il numero di baracche ha cominciato a crescere, facendo degenerare la situazione” ha spiegato Lozzi. L’area, ha ricordato ancora una volta il Municipio VII, è di proprietà del comune castellano. Ma la maggior parte degli interventi di sgombero che si sono succeduti negli ultimi mesi, sono stati richiesti e coordinati dall’ente di prossimità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Baraccopoli disabitata

“Per noi è davvero difficile controllare ed intervenire anche in aree non di nostra proprietà, per questo continueremo a sollecitare il Comune di Frascati perché assolva il suo compito di sorveglianza in un'area di sua pertinenza” ha concluso la presidente Lozzi. Al momento dello sgombero, ha fatto inoltre sapere il Municipio, gli occupanti erano già andati via “e tra questi non c'erano bambini o appartenenti a categorie fragili”. In passato invece, la demolizione dell'insediamento abusivo, era stata criticata proprio per la presenza dei minori. Per rimuovere le lamiere ed il materiale accumulatosi a seguito degli abbattimenti, dovrà essere organizzato un successivo intervento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento