TuscolanoToday

Cinecittà, nella biblioteca dell'IIS Ferrari nasce BiblioAP: lo spazio culturale aperto al territorio

All'interno della scuola superiore di Cinecittà Lamaro doppia inaugurazione per un nuovo polo culturale. Chirico (daSud): "BiblioÀP sarà la biblioteca di tutti"

Una sala lettura, uno spazio eventi, una webradio, una sezione sulle mafie ed un reparto dedicato ai fumetti. A Cinecittà il progetto dell'Accademia Popolare dell'antimafia si arrichisce di un nuovo progetto. E' nata infatti la BiblioÀP.

La cultura in periferia

“Dopo il teatro e il cinema - dichiara Danilo Chirico, presidente dell’associazione daSud, capofila del progetto ÀP - BiblioÀP è l'ultimo tassello di un progetto che nasce per contrastare la dispersione scolastica, recuperare i luoghi abbandonati e riaccendere la cultura in periferia. Una grande sfida a cui hanno contribuito in tante e tanti, dimostrando di avere a cuore la città e di credere ancora a un'idea di solidarietà, radicalità, partecipazione attiva e pratica della trasformazione. Per questa ragione siamo orgogliosi di poter dire che BiblioÀP è la biblioteca di tutte e tutti e per questa ragione siamo certi che questa sperimentazione sarà capace di parlare a tutta la città”.

La raccolta fondi

Grazie alla campagna di crowdfunding realizzata sia su Produzione dal Basso che sul territorio, è stato possibile ottenere i 30mila euro necessari alla ristrutturazione di una biblioteca inutilizzata da anni. Affiancherà il teatro ed il cinema -  inaugurato a novembre alla presenza di Carlo Verdone - che sempre l'Accademia popolare ha realizzato all'interno dell'istituto superiore Enzo Ferrari.

L'offerta culturale del territorio

A Cinecittà quindi si recuperano spazi, creando sinergie che coinvolgono intere generazioni. Semi di cultura lasciati sedimentare in un territorio estremamente popoloso e purtroppo povero di spazi pubblici. Nell'intero quadrante, era finora presente solo una biblioteca la Raffaello, ancora in fase di ristrutturazione. Al suo interno c'è anche l'unica sala studio che, con i suoi 60 posti, risulta del  tutto inadeguata a raccogliere la domanda di un territorio in cui vivono anche molti studenti universitari. 

La doppia inaugurazione

L'avvio delle attività nella biblioteca, aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 20, è segnato da una duplice inaugurazione. La prima si è svolta il 1 febbraio con gli studenti dell'IIS Ferrari ed ha visto la partecipazione di Marcello Fonte, miglior attore al Festival di Cannes 2018 e Oscar Europeo del Cinema 2018; del regista di “Asino Vola” Paolo Tripodi e dello sceneggiatore Giuliano Miniati. La seconda è invece stata calendarizzata nella giornata successiva.

L'apertura al pubblico

Per l'opening di sabato 2, previsto per le ore 18 in via Ferrini 83, è annunciata la presenza del rapper Kento e degli attori Roberta Mattei (Non essere cattivo), Ninni Bruschetta (Boris)  e Daniela Marra (Squadra antimafia).  Sempre in occasione dell'inaugurazione di sabato, è sono state allestite le mostre di fotografia Walking Visions e quella di fumetti con tavole originali realizzate da disegnatori come Massimo Rotundo (Wonder Woman) a Sara Pichelli (Harley Quinn) e da Emiliano Tanzillo (Dylan Dog) a David Messina (Catwoman). A suggellare l'incontro una sessione di live painting a cura del collettivo romano di autori denominato Skeleton Monster.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento