TuscolanoToday

Bancarelle via dalla Tuscolana, proteste all'Appio Claudio: "Sito inadatto. Spostatele a Cinecittà"

Da via Tito Labieno una petizione per salvare i parcheggi

Si procede a tappe serrate verso lo spostamento degli ambulanti da via Tuscolana. Firmata la proposta di delibera dalla Giunta Lozzi, la questione sarà portata in aula consiliare nella prima seduta utile. Poi la pratica passerà al Dipartimento mobilità, che dovrà darne il via libero definitivo. L'iter va avanti, ma in maniera meno pacifica del previsto. Perchè qualche residente ha già cominciato a storcere il naso.

Lo spartitraffico ed i parcheggi

Una delle aree individuate per localizzare le bancarelle, è quella dello square centrale di via Tito Labieno. "Ma lì ci sono sessanta posti auto ed attorno allo spartitraffico – fa notare l'ex Minisindaco Roberto Colasanti – parcheggiano già permanentemente in doppia fila. Mi domando cosa accadrà dopo il trasferimento dei furgoni e dei banchi". La questione è stata posta anche attraverso una raccolta firme, che in queste ore sta circolando tra i residenti di Cinecittà.

La protesta dei residenti

"La perdita di questi posti auto avrà un impatto fortemente negativo per la qualità della vita dei residenti" si legge nella petizione. Il principale fattore di criticità che viene ravvisato, riguarda il possibile incremento della "già lunga catena della sosta selvaggia", cosa che evidentemente  peggiora la viabilità e la sicurezza anche degli attraversamenti. La qualità della vita di chi abita quella strada, come osservato nella raccolta firme, è già oggi minata dagli automobilisti indisciplinati. In quel tratto di via Tito Labieno si concentrano esercizi commerciali aperti anche di notte, i cui clienti sostano anche in doppia e tripla fila. Il risultato è che si genera "un intoppo all'uscita dei veicoli dai passi carrabili o dai parcheggi lungo la strada, un ritardo nella raccolta dei rifiuti ed il rallentamento del servizio pubblico dei bus. Tali intoppi – si fa notare –  hanno come conseguenza la ricerca sonora del proprietario, che spesso dura minuti, a danno dei cittadini che subiscono tale inquinamento acustico".

L'alternativa praticabile

I residenti che stanno sottoscrivendo la petizione cartacea, hanno però pensato anche di sottoporre un'alternativa al Municipio VII.  "Nello spirito di collaborazione con le Autorità competenti" viene infatti suggerita una sede alternativa per i banchi (15) che è previsto siano delocalizzati in via Tito Labieno. La proposta ricade infatti sullo "sterrato di fronte la sede del VII Municipio. Tale sito - viene fatto notare - è commercialmente più vantaggioso per gli operatori e  può essere la soluzione che mette tutti d'accordo". Resta comunque l'esigenza, condivisa da tutti, di spostare le bancarelle da via Tuscolana. Una sorta di progetto pilota, in vista dell'analogo provvedimento promesso  su via Appia Nuova.

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Sciopero: domani 24 luglio stop a metro, bus, treni e taxi. Tutte le informazioni

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Incidente Anagnina, perde il controllo della moto: muore 32enne

  • Pistola contro la vittima per rapinarla del Rolex, poi cade in scooter durante la fuga

Torna su
RomaToday è in caricamento