TuscolanoToday

PRINT Ciampino: “A rischio le opere pubbliche richieste dal territorio”

La nascita della Commissione Speciale alimenta la preoccupazione sia per il clima "da larghe intese di scopo" che per la tempistica con cui chiedere le opere pubbliche. "Dobbiamo produrre in tempo utile le nostre osservazioni"

Sul PRINT di Ciampino si registrano due novità. La prima riguarda il formale avvio del processo partecipativo, con l’incontro  svoltosi lo scorso 15 luglio  in Sala Rossa. La seconda attiene alla nascita della Commissione Speciale sui PRINT, che sta alimentando spaccature in seno al centrosinistra. E che potrebbe avere conseguenze anche sulla realizzazione delle opere pubbliche del territorio.

PROCESSO PARTECIPATIVO - A proposito del territorio, all’appuntamento del 15 luglio ha preso parte anche quello di Ciampino, sia con esponenti delle comunità locali che con un Assessore della nuova Giunta comunale. I rilievi critici non sono mancati. Per quanto attiene il Municipio VII, hanno invece partecipato numerosi Comitati di Quartiere, la Comunità Territoriale ed alcuni cittadini espressione di altre realtà, come la Salvaciclisti. Presenti all’appuntamento anche alcuni imprenditori rappresentati del Consorzio, che hanno tenuto a precisare “non essere il Consorzio del signor Cavicchi, poiché ne detiene solo il 34%”. Il secondo ed ultimo appuntamento partecipativo, è previsto per il 24 luglio.

LE LARGHE INTESE - La seconda novità riguarda invece la nascita della Commissione Speciale sui PRINT, di cui avevamo già dato notizia. Continua a non piacere ad una parte del centrosinistra che denuncia l’asse PD-Forza Italia anche nella divisione dei ruoli in Commissione. Una nota diffusa dai gruppi consiliari di SEL e della Lista Marino, descrive bene il clima che si sta respirando in Municipio VII.  “Per la prima volta ieri si è riunita la ‘Commissione Speciale PRINT ‘, quella commissione istituita dal consiglio municipale che di fatto ha esautorato la Commissione permanente urbanistica dal suo ruolo sull'argomento, nonostante il serio e competente lavoro del suo Presidente Marco Poli (PD) - leggiamo nella nota - Apparentemente il rischio di non ottenere una configurazione di maggioranza è piuttosto alto. Ma non si tratta certo di un suicidio politico - affermano i consiglieri municipali di Sel e Lista Civica -  La neonata Commissione Speciale PRINT si è infatti dotata di una nuova maggioranza altrettanto ‘speciale’: Antonello Ciancio (PD) è stato eletto presidente grazie anche ai voti di Forza Italia, Lista Civica Alemanno e Gruppo misto. Umberto Matronola (Forza Italia) è stato eletto Vice Presidente Vicario grazie a 3 voti del PD ed a quelli della Lista Civica Alemanno e del Gruppo misto”. E qui si registra una novità. “Federica Lenci, è stata eletta Vicepresidente semplice, uscendo con straordinario tempismo dalla Lista Civica  - scrivono i Consiglieri di SEL e della Lista Civica Marino - per costituire da sola il gruppo misto e portare il suo voto utile al nuovo asse Pd - Forza Italia”.

LA PREOCCUPAZIONE - Al di là dell’assetto della nuova Commissione Speciale sui PRINT,  i Consiglieri di SEL Benassi e Cofano, e quelli della Lista Marino Tutino e Laddaga, esprimono “rammarico e preoccupazione  di fronte all'ennesima edizione delle ‘larghe intese di scopo’, che rischia di compromettere il lavoro fin qui svolto sul PRINT Ciampino Xa2. Nonostante questo, rinnoviamo il nostro impegno affinché il Consiglio Municipale produca in tempo utile le sue osservazioni dimostrando la necessaria maturità e responsabilità, imprescindibile per rivendicare presso il Campidoglio una maggiore autonomia anche in ambito urbanistico". Ricordiamo intanto che la Comunità Territoriale, con ampio anticipo rispetto all'istituzione di prossimità, ha già elaborato e protocollato un prospetto di opere pubbliche da far realizzare al Consorzio del PRINT.

LE OPERE PUBBLICHE - Il ritardo dell'Ente di prossimità, in materia, è evidente. "Il nostro unico obiettivo - concludono i consiglieri di Sel e Lista Civica Marino - rimane quello di fare in modo che il PRINT in questione sviluppi la massima parte possibile di opere pubbliche e che le stesse migliorino in maniera significativa quel quadrante di città, soprattutto fuori dallo stesso ambito PRINT, accogliendo quanto più volte ribadito dai cittadini e dalla Comunità territoriale, che forse non si fida più della rappresentanza politica ed ha prodotto in tempo utile le sue osservazioni. Portare a termine il processo di progettazione partecipata è un'occasione importante per tutti i residenti del territorio, che non può essere intaccata dai personalismi locali”.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

Torna su
RomaToday è in caricamento