TuscolanoToday

Ippodromo Capannelle senza gestore: Hippogroup pronto a lasciare l'impianto

Braccio di ferro tra il Campidoglio e la società che gestisce l'impiantosportivo. L'Hippogroup annuncia l'intenzione di andarsene, Frongia replica: "Per noi nessuna fretta"

Resta incerto il futuro dell'ippodromo di Cappannelle. I rapporti tra il Campidoglio, proprietario dell'impianto, e la Hippogroup, la società che lo gestisce, sono tornati tesi. La concessione è già scaduta e la struttura, come richiesto da una determina dirigenziale, doveva essere già stata riconsegnata la scorsa settimana. Poi è arrivato il passo indietro del Dipartimento Sport, che ha cancellato il termine di restituzione dell'impianto. Resta però il problema della sua attuale gestione. Il mancato prolungamento della concessione, auspicato dalla Hippogroup, non è infatti arrivato.  

Le difficoltà di gestione

"Abbiamo presentato documenti inoppugnabili che evidenziano come la società non possa continuare a gestire l'ippodromo in attesa di bando di incerta emanazione senza sopportare nuove pesanti perdite economiche" si legge in un comunicato diramato dalla  Hippogroup: La società deve infatti fare i conti con un  duplice problema. Da una parte i ritardi nei pagamenti da parte del Ministero per le attività agricole e forestali. Dall'altra "l'impossibilità di emettere fatture" derivante dal mancato rinnovo del contratto di concessione.

L'ultimo incontro istituzionale

I mancati incassi pregressi, s'innestano sulle incertezze relative al futuro. Non sapendo se la concessione sarà rinnovata, restano fermi al palo i progetti di riqualificazione della struttura, ad esempio in relazione all'impianto d'illuminazione notturna. "Il lungo incontro del marzo scorso con l'Assessore ha permesso di individuare una possibile intesa che ci consentirebbe di gestire Capannelle fino all'assegnazione del bando, non oltre il 30/6/2020. L'Onorevole Frongia ha promesso una seconda convocazione entro due settimane- fa sapere Hippogroup -  al massimo subito dopo Pasqua". L'appuntamento però non si è più tenuto. Ed a proposito del possibile prolungamento, non ha tardato ad arrivare la smentita."Non mi risulta di aver parlato di date - ha dichiarato l'assessore Frongia ad agipronews - nè di aver preso impegni in tal senso". 

La restituzione dell'impianto 

"Non può continuare una gestione in perdita e senza un piano di rilancio, sottoposto senza risposta al Comune da quattro anni" incalza l'Hippoggroup  che, in mancanza di un tempestivo intervento di Roma Capitale e del Ministero, ha dichiarato l'intenzione di "restituire l'ippodromo al proprietario il 31 agosto". L'ipotesi è stata commentata dall'assessore allo sport Daniele Frongia. "Qualora decidessero di riconsegnare l’ippodromo – ha dichiarato ad Agipronews - sarà una loro esplicita decisione e responsabilità: nessuno dell’Amministrazione ha messo fretta". In realtà il dipartimento sport ha chiesto la restituzione dell'impianto, ma in un secondo momento, nelle more di un ricorso presentato al Tar, il termine di 180 giorni fissato per la riconsegna del bene è stato cancellato. Un'iniziativa che consente ora al Campidoglio di prendere una decisione "senza fretta". Alla fine di agosto, mancano comunque tre mesi. Un tempo sufficiente per trovare un eventuale accordo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Nubifragio a Roma e provincia: disagi in città, allagata la via Appia

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 24 e domenica 25 agosto

Torna su
RomaToday è in caricamento