TuscolanoToday

Villaggio Appio: il quartiere fantasma del X municipio

Negozi chiusi, qualche desolata attività, uffici con i vetri rotti, palazzi che sembrano dormitori visto che di giorno non si incontra mai nessuno. Intervista ad una residente che ci spiega come si è arrivati a questa situazione

Da qualche tempo stiamo tenendo sotto osservazione il Villaggio Appio, quartiere alle spalle di Osteria del Curato, vicino a Capannelle. Quello che è emerso dalle nostre osservazioni, che ci vengono peraltro confermate dal web dove comitati di quartiere e cittadini documentano anche con immagini e video, è che si ha la percezione di un quartiere fantasma. Salendo sull'autobus 654, che collega IV Miglio a piazza di Cinecittà,  gli scorci che ci si presentano stanno proprio a testimoniare questo: negozi chiusi, forse mai aperti, qualche desolata attività poco promettente, palazzi che sembrano dormitori visto che di giorno non si incontra mai nessuno. Quelli che sembrano uffici con i vetri rotti, che versano in condizioni poco dignitose, sembrano diventati meta di villani demolitori o, semplicemente, sono abbandonati a loro stessi. Abbiamo girato alla signora F.F., residente nel Villaggio Appio, che sappiamo dal Comitato di quartiere di Osteria del Curato essere molto attiva e molto partecipe delle iniziative e anche delle problematiche del quartiere, le nostre perplessità.

“Su molte sue considerazioni ha ragione -ci dice la signora F.F. Che sia un quartiere fantasma è abbastanza vero in quanto questo nasceva come comprensorio acquistato da Enti Pubblici per soddisfare il bisogno di alloggi ai dipendenti del pubblico impiego”.
 
“Col passare del tempo -continua la signora- gli stabili destinati a civile abitazione si sono salvati in parte dall'incuria e dal degrado. Lo stesso non  si può dire di quelli destinati ad attività commerciali che, a tutt'oggi, sono ancora di proprietà di un ente che, noncurante del suo patrimonio, sta lasciando andare tutto in malora”.
 
“Questo purtroppo coinvolge non solo gli stabili suddetti", prosegue la signora, "ma anche tutte le loro pertinenze. Se a questo poi aggiungiamo che la nostra circoscrizione non ha neanche un euro per rifare le strade, il risultato è quello che è evidente agli occhi di tutti”.
 
"Certo è -prosegue F.F. -che non ci gratifica affatto vivere in queste condizioni, però purtroppo la sensazione è quella di impotenza davanti ai pachidermici ritmi della pubblica amministrazione” Anzi -conclude- gli agganci con qualche giornale potrebbero attivare un qualche meccanismo utile a migliorare la situazione”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento