TuscolanoToday

Tuscolana liberata: via le bancarelle. Ambulanti spostati in viale Tito Labieno

L'atteso trasferimento è stato completato

Promessa mantenuta. Lo spostamento delle bancarelle da via Tuscolana è ormai realtà. Nonostante le vibranti proteste degli operatori e di quanti si sono mobilitati per il timore di perdere posti auto.Il Movimento 5 stelle ha deciso di blindare una decisione che, ha spiegato il consigliere Coia, è stata maturata dopo numerosi incontri in commissione capitolina ed in Municipio VII.

VIDEO | Via le bancarelle da via Tuscolana, tensione tra gli ambulanti e il presidente Coia

Promessa mantenuta

"Da lunedì 15 gennaio il trasferimento di 14 operatori in via Tito Labieno e 6 a largo Giulio Capitolino diventa effettivo" ha annunciato la presidente Monica Lozzi. Si chiude così un percorso avviato durante la precedente consiliatura. La necessità di spostare le bancarelle dalle principali arterie commerciali del Municipio, era stata più volte denunciata dai cittadini. L'ingombrante presenza di ambulanti su via Tuscolana, come su via Appia Nuova, ha per anni rappresentanto un evidente intralcio. Lo era per le persone con disabilità costrette a spostarsi sulla carrozzina ortopedica come per le mamme dotate di passeggino. 

Le contestazioni

La battaglia per trasferire gli operatori, entrata nel vivo nell'ultimo anno, ha conosciuto un'accelerazone nel corso dell'ultimo mese. Lo scorso dicembre la presidente Lozzi aveva annunciato il prossimo spostamento. Una scelta che non è stata indolore. Prima delle contestazioni degli ambulanti, sono arrivate le firme dei cittadini. Sospinti da un ex presidente muncipale, a fine dicembre hanno sottoscrittouna petizione. Preoccupati per la sottrazione di posti auto in via Tito Labieno, questi residenti avevano proposto un sito alternativo. Ma a giochi ormai fatti

Chi non sa accettare un no

Terminata la Conferenza dei servizi,  l'iter necessario per lo spostamento era ormai già entrato nella fase conclusiva. E d'altra parte, come ha osservato il consigliere Coia in un video postato su facebook " durante gli incontri in commissione agli operatori era  stato chiesto d'indicare delle scelte alternative, che però non sono arrivate". E questo perchè "si voleva restare a tutti i costi nelle posizioni assegnate decenni fa". La verità, come ha sottolineato lo stesso pentastellato "è che questo è un settore di elargizioni". E quindi, per dirla con le parole della presidente Lozzi "è stato ferito l'orgoglio di alcuni rappresentanti di categoria che fino ad oggi non si sono mai sentiti dire di no".

Il diritto di tutti

L'obiettivo è stato portato a casa.  Cercando di rispettare "il diritto di tutti". Nella scelta della nuova sede di via Labieno, un'area di passaggio tra la fermata metropolitana ed il capolinea dei bus, il M5s ha cercato di garantire il dritto degli ambulanti a svolgere il proprio lavoro. "Avremmo potuto ricorrere alla Bolkenstein, ma abbiamo preferito continuare a garantire i loro livelli occupazioni" ha ricordato Lozzi.  Al tempo stesso "abbiamo tutelato i commercianti di via Tuscolana sottoposti ad una concorrenza spietata a pochi centimetri dalle proprie vetrine. Ed è stato garantito il diritto dei cittadini a muoversi liberamente sui marciapiedi di via Tuscolana". Un cambio di passo evidente. Anche per i pedoni abituai a camminare sull'arteria commerciale del VII Municipio. 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (35)

  • Finalmente la normalità. Adesso bisogna non mollare e fare attenzione a mantenere liberi i nostri marciapiedi.

  • Leggo commenti altamente pregiudizievoli,oltre la disinformazione di base e forse voluta. Ancora si fa di tutta un'erba un fascio confondendo termini e categorie. Ci sono ambulanti(e dico ambulanti regolari) che vuol dire con regolare licenza,registrazione e tutto quello che prevede la legge,e da molto tempo.Poi ci sono gli abusivi,quelli non regolari,ecco,confondere gli ambulanti regolari con gli abusivi è un pregiudizio e disonesto. Ma questo dimostra quanto ad altri interessa il lavoro e il rispetto degli altri lavoratori,stando ovviamente dentro le leggi. E questi signori ambulanti regolari hanno impegni finanziari,impegni come tutti con bollette e affitti per il proprio domicilio,e moglie e figli. Parliamo di 160,000 mila aziende regolari in tutta Italia,dove bisogna dietro calcolati i lori impegni finanziari e le loro famiglie,come sopra scritto. Ora,che non piace vedere i banchi anche se regolari,potrebbe essere anche una rispettosa opinione,ma l'idea di un banco tipo,ordinato e concordato,anche nelle misure,i municipi tutti,il comune,non lo hanno mai accettato,e hanno il progetto dentro il cassetto da anni,proposto e progettato come anche consegnato ai municipi e comuni,tutto fatto dagli operatori del settore,e a loro spese. Ora,per legittimare l'eliminazione dei banchi attribuendo le oscenità di chi è abusivo,e ribadisco "abusivo" agli ambulanti regolari per motivare queste scelte ed eliminazione,è disonesto,e ripeto,pregiudizievole. Quindi,c'è il tutti contro tutti,dove,sei io fossi un ambulante ora dovrei ridere e fregarmene anche di chi può perdere qualsiasi altro tipo di lavoro che può essere un impiegato,statale o privato,un libero professionista o artigiano come idraulico meccanico,infermiere,rappresentante di ogni genere,delle forze dell'ordine,metalmeccanici e via dicendo,e dovrei ridere di loro e della loro famiglia secondo i vostri criteri e quanto esprimete qui. Oltre questo,non sapete che le multe a queste attività ambulanti regolari,hai tempo solo che arrivi all'ufficio competente,dopo di che,viene sospesa l'attività di ambulante se non paghi e sblocchi la pratica,dopo la terza volta,te la bloccano anche se paghi.Questo,sempre per gli ambulanti regolari,ovvio,ma via Tuscolana come anche via Appia Nuova,era ed è piena di abusivi,a quelli non hanno mai fatto nulla,ovviamente,a chi non ha nessun licenza,che cosa gli blocchi? Che multa fai se non quella di sequestrare tutto?...Ecco dove dovevano agire i controlli e i vigili,e no su chi è regolare. Gli extracomunitari che vedete,alcuni sono dipendenti,come un qualsiasi commesso nei negozi,sono che vengono ingaggiati ad ore giornaliere,e spesso cambiano,c'è in questo contratto,ma possono essere anche collaboratori e alcuni affittuari del banco.Questo lo permette la legge,ed è come tutte le attività commerciali,perché fare due pesi e due misure stando nella stessa nazione? E questi signori sono tutti regolari. Ripeto,per gli abusivi,è tutto diverso,non hanno nulla da regolarizzare. Ecco dove stanno i pregiudizi che ho letto in questi commenti. I Banchi,i commercianti ambulanti regolari esistono in tutte le città Europee,non è una anomalia italiana,fatevi un giro in Europa. Poi ci sono i mercati rionali,quelli settimanali e via dicendo,e voi siete contenti che questo comparto sparisca,festeggiate,bene.... si bene....voglio fare la stessa cosa quando sento e leggo che avviene la perdita di lavoro a chi fa altri tipi di lavoro,magari dove oltretutto ci ha investito i suoi soldi,oltre agli impegni finanziari che ha magari preso con banche,mutui e via dicendo,e poi venire quì e postare la mia felicità. Ma ancora meglio,mandare voi che siete felici di questo,a provare solo un mese a fare il mestiere dell'ambulante regolare,ho come titolare investendo i vostri denari,o come commesso,alzarvi alle quattro di mattina,avere posti ogni giorno diversi e spesso in strade desolate o in periferie lontane e non frequentate,dove,con acqua sole freddo e neve ,ci devi stare,dove a volte non puoi nemmeno lasciare il banco per andare in bagno se non hai il personale e dove se non lavori perché quel giorno ti è capitato un posteggio non buono,o perché rimani a casa perché stai male,o perché piove troppo,tu torni a casa senza aver guadagno un centesimo,e questo succede spesso. Dove succede che il titolare è nel furgone,a riposare,a dare il cambio,oppure ci ha lasciato il commesso,o il collaboratore,o a volte, è solo. E voi siete felici di questo,bene,bene quello che scrivete e quello che ha fato il municipio e il comune come anche i consiglieri. Un finto buonismo,dove,morte tua significa vita mia,o solo per avere un parcheggio in più,mentre,basta autorizzare e delimitare il posteggio dei furgoni,esattamente dove viene montato il banco. Perché non tutti vendono intimo,(ma anche se fosse),altri anche abbigliamento buono e scarpe buone,dove,i furgoni che non sono custoditi e sorvegliati,vengono aperti o rubati,sapete che esistono i ladri? O no? Cosa successa diverse volte,e dove un negozio,non ha questo tipo di problema. Comunque Complimenti a tutti voi. Ma sopratutto,se una qualsiasi persona di voi un domani dovesse aver problemi,non lamentatevi,perché questo modo di agire non è esclusivo solo per gli ambulanti,può succedere a chiunque se questa mentalità e metodo si legittima. Si alle regole certe,si ai controlli per verifica chi regolare e chi no,e si al riordino e rispetto delle regole,ma non isolarli o metterli in posti non commerciali,perché si chiamano commercianti ambulanti giornalieri,e non itineranti dei mercati settimanali o delle province.Quelli già esistono,e non puoi mandarli li,sarebbe come fare aprire un negozio solo due volte o una sola a settimana. Si,pregiudizievoli e felici dei problemi degli altri.Complimenti. Ribadisco,fatelo voi questo lavoro solo per qualche mese,ovviamente come regolari,con tutto in regola e pagato,poi vediamo come vi riducete alzandovi alle 4 di mattina e in strada spesso fino alle 21 con qualsiasi tempo. Diventate bruttissimi,sofferenti ,sporchi e arrabbiati,ed è certo. A mai più risentirvi.

    • Tuscolana liberata: via le bancarelle. Ambulanti spostati in viale Titolo Labieno „Le vostre licenze non devono essere un problema di decoro di sicurezza di vivere civile di rispetto dei residenti e dei commercianti, un problema di inquinamento acustico visivo atmosferico.“ Potrebbe interessarti: http://tuscolano.romatoday.it/bancarelle-tuscolana-trasferimento-m5s1-html.html Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

    • Premesso il fatto che è prolisso ed esprime il punto di vista di un ambulante (quindi di parte), semplicemente il fatto è che in Via Tuscolana (come in altre strade di Roma) i marciapiedi (ma anche le strade dove parcheggiate i furgoni) sono impraticabili. Comunque stavolta la politica ha fatto quanto promesso a chi li ha votati.

      • Le vostre licenze non devono essere un problema di decoro di sicurezza di vivere civile di rispetto dei residenti e dei commercianti, un problema di inquinamento acustico visivo atmosferico.

  • stupendo! Non si passava! oggi comunque vado a vedere

    • Tornati all'agognata normalità. Conoscendo la situazione... bisognerà combattere per mantenerla.

  • Era ora. Ottima iniziativa.

  • Ovunque bancarelle abusive intralciano i marciapiedi e i relativi furgoni sgangherati (vorrei vedere se hanno la revisione) le strade accanto. Non c'è bisogno di chissà quali iniziative, basterebbe che i vigili facessero il loro lavoro.

    • Si ma una volta che hai fatto la multa a mustafa o yuseff o hai disposto il fermo del veicolo..pensi che il bengalese pagherà la multa? Forse revocandogli dopo 3 multe la licenza o cittadinanza ci penserebbero prima

  • Finalmente! Di buono c'è anche che ora non ci dovrebbero più essere i furgoni in doppia fila (e che i vigili fingevano di non vedere).

  • venite anche a Prati please!!!

  • Era ora!

  • Basterebbe che le multe, gli extracomunitari le debbano pagare entro i 60 giorni previsti, il 61 giorno parte la richiesta di espulsione e a casa!!. Oltre che la multa arrivi alla loro ambasciata e l obbligo di pagarla!!. Sono troppi, i soldi guadagnati li spediscono a casa loro, non pagano tasse. Basta!!

  • Finalmente una buona notizia. Ormai da anni non transitavo sulla Tuscolana per le gimkane che dovevo fare tra le innumerevoli bancarelle regolari ed abusive senza avere la possibilità di fermarmi per osservare una vetrina. Questa mattina sono riuscito finalmente a passeggiare sul marciapiede. Innumerevoli pattuglie di vigili presidiavano tutto il percorso. A piazza di Cinecittà ho trovato un presidio di ambulanti (non quelli che siamo abituati a vedere vicino ai banchi di nazionalità cingalese) ma distinti occidentali, di sicuro proprietari di innumerevoli licenze. Spero che il comune mantenga la posizione sulla decisione presa.

  • Bravi, ora magari spieghiamo ai vigili che parcheggiare in seconda fila e' contro il codice della strada (ovvero, invece di fingere di non vedere, scendere dalla volante, fare multe e far rimuovere le auto). Magari farli passare anche sotto casa mia... spero che sia l'inizio di una colossale opera di civilizzazione di questa citta' in mano agli incivili...

  • Con tolleranza zero verso tutto e tutti Roma diventerebbe come zurigo...mandare polizia ed esercito e finanza a tutto spiano

    • Anche i nocs, i marò, i bersaglieri, gli alpini e, perché no, una a bella portaerei dove ci fosse uno specchio d'acqua...

      • Iniziamo a mandare finanza ufficio d igiene ai minimarket e frutterie bengalesi..E se non rispettano chiuso un mese..Poi 2 mesi al 3 revoca licenza

  • Ottimo. A quando la "Liberazione" della Tiburtina a livello delle 3 corsie. Ormai sembra un suk mediorientale

    • SONO solo alcune zone quelle da te elencate, il problema è in tutta la città, intanto sgomberi poi diffida e poi sequestro della merce in qualche modo la multa la paghi

  • Finalmente.

  • Non si può far altro che sottolineare quando dichiarato dalla Lozzi, in particolare il passaggio "è stato ferito l'orgoglio di alcuni rappresentanti di categoria che fino ad oggi non si sono mai sentiti dire di no".

    • certo la fanno sempre da padroni adducendo scuse che non stanno ne in cielo ne in terra, nel mio quartiere siamo costretti a camminare nei due sensi in un metro di marciapiede se arriva una carrozzina o un invalido sono problemi per camminare

      • Stamattina a Radio Globo hanno fatto sentire le interviste fatte ieri ad alcuni ambulanti, il commento di uno di loro "Coia ha fatto spostare le bancarelle solo per rispettare le promesse fatte in campagna elettorale" non sapevo se ride o se piagne.

        • HAI RAGIONE questi so abituati al fatto che quando lo dicevano in campagna elettorale NESSUNO poi metteva in pratica

  • Ora anche Via Cola di Rienzo, grazie.

  • finalmente qualcosa di buono dai 5s

  • finalmente una cosa buona, ora voglio vedere con i miei occhi

  • finalmente qualcosa si muove per far tornare alla normalità questa città, bravi

  • Evviva evviva! Non ho mai amato la tuscolana perchè si gira in fila indiana per colpa di questi farabutti

  • Ogni volta che chiamo i vigili per far osservare che questi delle bancarelle non rispettano i loro spazi mi rispondono che tanto poi le multe non le pagano

    • i vigili hanno sempre una risposta pronta per non intervenire.. gli italiani le multe in teoria le pagano, ma da me ogni volta che li chiamo per le auto in seconda fila non ci pensano proprio a venire...

      • Appunto gli italiani..altrimenti rischi Equitalia ma prova a fare la multa a yousefff o mustafa...

  • le bancarelle ...prima mettono uno scatolone rigirato con 2 pezzi sopra...poi fanno l'estensione della superficie del cartone,poi mettono una piccola struttura in ferro,poi la struttura diventa piu grande a piu piani e con ruote,poi aggiungono ombrelloni con roba appesa...poi sul marciapiede non si passa piu e i negozi manco si vedono

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente sulla via Aurelia: frontale tra auto, due morti ed un ferito grave

  • Politica

    Ama, dipendente denuncia disagi. L'azienda lo licenzia: "Falso"

  • Cronaca

    A San Lorenzo si spara per sanare offese. Fermato l'uomo che ha gambizzato un imprenditore

  • Cronaca

    Incendio ad Ostia: bus Atac in fiamme, paura tra i passeggeri

I più letti della settimana

  • I 5 migliori arrosticinari a Roma

  • Incidente sul Raccordo: scontro tra quattro auto, una prende fuoco. Traffico in tilt

  • Blocco traffico: a Roma domenica 25 febbraio niente auto nella fascia verde

  • Studente 15enne scomparso, l'appello dei familiari: "Aiutateci a trovarlo"

  • Incidente a San Giovanni: investito da automedica, morto un uomo

  • Prima si schianta con l'auto, poi si suicida al ponte di Ariccia: morto un giovane

Torna su
RomaToday è in caricamento