menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Tuscolano Today

Al centro polivalente di via Polia manca il collaudo?

Sopralluogo del comitato di quartiere Statuario-Capannelle con municipio e comune alla struttura di via Polia che risluta non collaudata, nonostante venga utilizzata regolarmente per una serie di attività. E' una situazione pericolosa a cui bisogna porre rimedio

Continua a creare preoccupazione la situazione del centro polivalente di via Polia. In particolare è ancora il Comitato di Quartiere statuario Capannelle a tenere alta l'attenzione sulla struttura, della quale ancora non è chiara la futura destinazione d'uso a più di un anno dalla sua consegna.

Un grande pallone, un ancor più grande struttura e un parco molto spazioso che le circonda. Ma gli abitanti non sanno realmente di che cosa si tratta e perché continui ad essere utilizzato arbitrariamente nonostante sembri non esserci stato il collaudo.

Per provare a sciogliere i molti dubbi che ruotano attorno a questa struttura, venerdì scorso un sopralluogo con 5 membri del comitato, 4 consiglieri municipali -Stelitano, Giuliano, Antipasqua, Battaglia- l'assessore Perifano del Municipio e Tredicine, il presidente della commissione del Comune.

Quello che è emerso a seguito dell'incontro è che il collaudo della struttura non esiste, e questa è cosa assodata. Lo hanno confermato il Comune e Perifano.

La struttura però risulta essere utilizzata, come testimoniano le attività che testimoni oculari hanno visto svolgersi all'interno.
Che guaio sarebbe se succedesse qualcosa a chi frequenta la struttura -anche se sottoposta a controllo e sorveglianza- non essendoci assicurazione?
 
Al tempo stesso l'interno della struttura risulta, oltre che poco agibile in alcuni locali, anche pericolosa, vista la presenza di mobili ammucchiati, vetri rotti e degrado incombente.
 
La ditta non ha mai concluso i lavori previsti dalla convenzione che permettevano la costruzione dell'albergo Capannelle. Che intanto sono tre anni che è aperto.
Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

    • Cronaca

      Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

    • Cronaca

      Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

    • Cronaca

      Magliana: donna trovata morta semi carbonizzata vicino ad un'auto

    Torna su