TuscolanoToday

Parco degli Acquedotti, accesi i lampioni: non c’è grande bellezza senza adeguata sicurezza

Inaugurato l'impianto d'illuminazione nel parco degli Acquedotti. Lozzi (M5s): "E' un primo passo per migliorare la sicurezza del territorio"

Foto facebook Letizia C.

Sessantotto lampioni a led. Due chilometri di percorso. Sono questi i numeri del nuovo impianto d’illuminazione che il 27 dicembre è stato attivato nel parco degli Acquedotti. 

La fruizione serale

L’area verde della Grande Bellezza è ora a disposizione dei cittadini anche nelle ore serali. “E' fondamentale portare l'illuminazione perchè consente di vivere il parco anche di inverno quando la luce cala presto e c'è voglia di stare fuori” ha ricordato la Sindaca durante la cerimonia d’accensione dei lampioni.

Un'operazione che riannoda i fili

Finora la fruizione del parco è stata garantita soprattutto dall'infaticabile azione di quei volontari che, quotidianamente, se ne prendono cura. Effettuano la manutenzione degli arredi, bonificano i fossi, mettono a dimora e mantengono in vita le nuove alberature. Ora, i duemila metri d’illuminazione, mostrano che anche il  Campidoglio vuole impegnarsi per migliorare quest’area verde. “Sono operazioni – ha riconosciuto in tal senso la Sindaca Raggi - che ci fanno riannodare i fili che questa città aveva perso sulla cura e la manutenzione ordinaria”.

La richiesta arrivata dal territorio

La sistemazione dei lampioni, nel parco di via Lemonia, arriva subito dopo un’analoga operazione realizzata nel parco della Romanina. “Chi abita in questi territori, e soprattutto chi pratica dell’attività sportiva – ha dichiarato  la minisindaca Monica Lozzi - chiede di poter godere di queste aree verdi anche all’imbrunire. E la nostra intenzione è di consentire che un numero sempre crescente di cittadini per bene possa frequentarli”.

L'omicidio di Diabolik

Il 7 agosto del 2019 il parco degli Acquedotti è stato teatro di un episodio di cronaca nera. E’ lì infatti che si è consumato l’omicidio di Fabrizio Diabolik Piscitelli, il capo ultra biancoceleste. “E’ stato un fatto di cronaca che ricordiamo molto bene – ha commentato la presidente Monica Lozzi – ed anche per questo riteniamo che portare l’illuminazione in un parco sia un momento positivo. Lo rende più attraente, ne migliora la fruizione. E’ un bel momento che contribuisce a tenere lontano ciò che di brutto accade in questo territorio”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un parco ricco di storia

“Portare i lampioni nel parco rappresenta un primo passo, se si punta a migliorare la sicurezza in questo quadrante cittadino, Da solo non basta, perché poi servono anche più controlli” ha ribadito la presidente del Municipio. Però serve a dimostrare che l’attenzione delle istituzioni non si è spenta. Ed in tal senso, l’accensione delle luci, può rappresentare anche una metafora. Un bel capitolo nella storia d’un parco che, da decenni, continua a regalare pagine dense di romanità
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Sciopero a Roma: venerdì 29 maggio metro, bus e tram a rischio. Gli orari

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento