TuscolanoToday

Via Lemonia: allontanati i cittadini che volevano sistemare l'area giochi

Alcuni cittadini hanno fatto irruzione nell'area giochi chiusa da mesi, per cercare di sistemarla con i propri mezzi. L'iniziativa è stata interrotta per l'intervento della Municipale

La partita per la riapertura del parco giochi di via Lemonia, non si sblocca. La lettera inoltrata dal Presidente Fantino al Sindaco ed all’Assessore Marino, non ha sortito gli effetti sperati. Ed inutili sono state anche le lamentele dei cittadini, le loro raccolte firme e l’attenzione che la stampa gli ha dedicato.

L'AUTORGANIZZAZIONE - A fronte di una situazione inerziale, che penalizza fortemente i bambini di un popoloso quadrante, molti cittadini, insieme alla rete territoriale Cinecittà Bene Comune, sabato 9 hanno fatto irruzione nell’area giochi, ormai abbandonata, ed hanno iniziato a riparare a proprie spese il suo ripristino. “Mamme, papà, bambini e alcuni giovani disoccupati del quartiere  - leggiamo sul sito di Cinecittà Bene Comune - hanno fatto irruzione nell’area giochi del Parco degli Acquedotti e muniti di utensili hanno iniziato a lavorare con l’obbiettivo di riabilitare l’area”.

LA VICENDA - “L’amministrazione di Roma Capitale – viene spiegato dalla rete territoriale - nonostante le ripetute sollecitazioni da parte dei cittadini e del Presidente del VII Municipio, non è intervenuta per risolvere questa problematica ed il Dipartimento,  interrogato per questo caso, aveva risposto attraverso l’Assessorato all’Ambiente ed ai Rifiuti che i tagli al bilancio non permettevano lo stanziamento delle risorse necessarie per  la riqualificazione dell’area”. La risposta dell’amministrazione capitolina, è nota da tempo. Tuttavia lo è anche il desiderio dei cittadini, di restituire uno spazio ai propri figli.

CHIUSO IL PARCO GIOCHI - Davanti ad una condizione di impasse piuttosto evidente “i cittadini con Cinecittà Bene Comune hanno voluto lanciare un segnale di protesta ribadendo con forza che la prima priorità per questo territorio è rappresentata dai diritti e dalle esigenze dei cittadini che in questo caso vuol dire più spazi verdi ed aree pubbliche attrezzate, sport cultura e posti di lavoro. Al termine dell’iniziativa  - leggiamo sempre sul sito della rete locale - sono però intervenuti i vigili urbani che, su segnalazione di alcuni aderenti al partito La Destra, hanno obbligato i cittadini ad uscire dall’area che poi è stata recintata con un nastro”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Sciopero a Roma: venerdì 29 maggio metro, bus e tram a rischio. Gli orari

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento