TuscolanoToday

Aeroporto di Ciampino, per la riduzione dei voli si attende la sentenza del Tar

Dopo il decreto ministeriale che stabilisce di ridurre i voli, soprattutto in orario notturno, c'è stato un ricorso della Ryanair. Il 6 marzo è prevista la sentenza del Tar

Il piano di contenimento del rumore aeroportuale, approvato dal Ministro Costa, non ha ancora sortito gli effetti sperati. E' stato avvallato, lo scorso dicembre, da un decreto ministeriale che per la prima volta in Italia si ispira alla normativa sull'inquinamento acustico.

Ancora notti insonni

E' stato fortemente voluto dai cittadini che abitano nel comune  di Ciampino e nei quartieri più periferici del Municipio VII. Ma le prescrizioni introdotte dal ministero dell'Ambiente non sono ancora state rispettate. Il rumore degli aerei continua a funestare le notti di migliaia di cittadini.

Il ricorso al Tar

"Come un congegno ad orologeria – si lamenta il comitato per la riduzione dell'impatto ambientale dell' Aeroporto di Ciampino – è giunto immediato il ricorso al TAR di Ryanair con il l quale si oppone alle decisioni delle autorità nazionali, chiedendo con urgenza ai Giudici amministrativi di fermare la prima azione messa in vigore dal Decreto, cioè il blocco dei voli notturni dalle 23.00 alle 6.00 del mattino che restituisce ai cittadini il diritto al riposo notturno".

Gli aeroporti europei con problemi ambientali

Rimangono intanto dei voli la cui partenza o il cui arrivo all'aeroporto Pastine è previsto anche alle ore 23. E questo comporta il fatto che si concessa la possibilità di atterrare in caso di ritardi imprevisti anche in piena notte, "contrariamente a quanto avviene in altri aeroporti europei con problemi ambientali, quali ad esempio il London City Airport – segnala sempre il Comitato per la riduzione dell'impatto ambientale – non sono ammesse deroghe e gli aerei in ritardo devono atterrare nell’aeroporto alternativo". 

La data della sentenza

I sonni dei residenti di Ciampino e di quelli che abitano nelle zone limitrofe potrebbe migliorare dopo il 6 marzo. E' quella la data prevista per la sentenza definitiva del TAR Lazio, cui la società di voli low cost si è rivolta. L'attesa è quindi comprensibile. Ma si tratta di avere ancora un po' di pazienza. Dopotutto ci sono voluti 20 anni per ottenere un vero piano di contenimento del rumore. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento