TuscolanoToday

Quarto Miglio, due strade ed un solo obiettivo: migliorare la mobilità

Le associazioni di Quarto Miglio si sono incontrate con la Commissione Mobilità del Comune e gli Uffici Tecnici del Municipio per discutere della viabilità nel quadrante

Nel 2009 l’agenzia per la mobilità verificò che, a Quarto Miglio, transitavano  24mila autovetture al giorno. Un dato impressionante, se rapportato all’effettiva popolazione del quartiere. La possibilità di attraversarlo per raggiungere la zona sud ovest della Capitale, rappresenta ancora un problema molto avvertito per i residenti di  Quarto Miglio. Nonostante da qualche anno, il confronto tra associazioni di zona e le istituzioni, non sia mancato.

L'INCONTRO IN CAMPIDOGLIO  - L’ultimo capitolo di questo travagliato percorso, è datato a mercoledì 19. In quell’occasione,  “presso la Commissione Mobilità di Roma Capitale – fa sapere il Comitato di Zona – si è svolta una riunione alla presenza dei Consiglieri Comunali, dell’Assessore alla Mobilità e degli Uffici Tecnici del VII Municipio, dell’Agenzia per la Mobilità e delle Associazioni di Quartiere. Inizialmente si doveva discutere esclusivamente la realizzazione dello svincolo semaforico tra Via Appia Nuova e Via Appia Pignatelli di fronte Viale Appio Claudio – leggiamo sul sito del CdZ Quarto Miglio -  al fine di creare le condizioni idonee per impedire l’attraversamento del Quartiere da parte dei flussi di traffico tra la Tuscolana ed l' Eur. La presenza di rappresentanti del Comitato di Zona e del Comitato dei Genitori dell’Istituto Guido Milanesi ha permesso di focalizzare l’attenzione anche sull’annoso problema della riapertura di Via al Quarto Miglio, strumento immediato per decongestionare il traffico su Via San Tarcisio e per mettere quindi in sicurezza il Plesso Scolastico di Quarto Miglio”.

LE OPZIONI SUL PIATTOIl tema non è nuovo e di recente è stato affrontato nel corso di una partecipata riunione, dei cui esiti sono poi state poi informate tutte le associazioni del quartiere.  Ad ogni modo, l’incontro in Campidoglio ha permesso di mettere sul piatto due opzioni, che potrebbero essere perseguite in parallelo. Da una parte si parla della “riapertura di Via al Quarto Miglio, con l’impegno dell’Assessore alla Mobilità del Municipio VII al reperimento dei fondi necessari per l’esproprio del tratto ‘privato’ della strada e per la realizzazione della relativa messa in sicurezza”. C’è poi anche una soluzione più impegnativa sul piano della tempistica e coinciderebbe con “la rivisitazione da parte dell’Agenzia della Mobilità del Piano del Traffico del Quadrante Quarto Miglio  con indicazione della sua validità, il superamento delle criticità e la determinazione dei costi per la realizzazione dello svincolo semaforico tra Via Appia Nuova e Via Appia Pignatelli”.

TEMPI E COSTI - Secondo quanto leggiamo sempre nel sito del Comitato di Zona Quarto Miglio, “ è emerso che per attuare il Piano del Traffico del 2009  sarebbero necessari circa 600mila euro: cifra elevatissima che, in un momento di grave crisi e dolorosi tagli, non sarebbe possibile reperire nell’immediato. Allora siamo riusciti a far passare la linea degli interventi “paralleli”: mentre l’Amministrazione assume l’impegno della rivisitazione del Piano del Traffico per la realizzazione dell’impianto semaforico nell’intersezione Appia Nuova/Appia Pignatelli, si reperiranno i fondi che permetteranno di ottenere un risultato immediato, tangibile e da anni atteso: la riapertura di Via al Quarto Miglio” e la sua conseguente messa in sicurezza. Tema molto caro ai tanti genitori che, quotidianamente, accompagnano i figli a scuola nelle trafficate e relativamente sicure strade del quartiere.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Ciao David, via al Quarto Miglio era stata aperta illegalmente infatti un tratto è privato. Tra l'altro l'amministrazione pensò di fare una furbata eseguendo l'operazione di apertura in pieno Agosto, probabilmente convinti che nessuno si accorgesse di nulla fino alla fine delle ferie estive, purtroppo gli è andata male e il proprietario di quel tratto di strada ha fatto valere i suoi diritti, la strada potrebbe essere riaperta solo se il comune mettesse in atto l'esproprio. Io continuo per altro ad affermare che se non avessero reso via Annia Regilla a senso unico, tutti questi problemi non ci sarebbero mai stati. Ci ho vissuto per oltre 30 anni a Quarto Miglio quindi so di cosa parlo.

  • Gentilissimo David, Via al Quarto Miglio "ERA" aperta e dopo un brevissimo lasso di tempo "E' STATA RICHIUSA"! Io non abito in quel tratto di strada ma ho mia madre ricoverata all'Oasi San Francesco e può capitare che, viste le condizioni generali degli ospiti, talvolta accada, per disattenzione nella chiusura del cancello o per altri motivi, che gli ospiti meno disagiati, ma, anche se parzialmente, mentalmente confusi e disattenti, possano improvvidamente avventurarsi al di fuori del perimetro che garantisce la loro incolumità e sicurezza. Come Le ho detto: può capitare. Altra cosa è l'inquinamento: Lei sicuramente converrà con me che una fila di auto in attesa ad un semaforo (una lunga fila...) è sicuramente più inquinante dell'affatto intenso traffico che attualmente transita per quella via. Con osservanza.

  • Penso che è un'idea stupida e pericolosa! Stupida perché sembra che ignoriate l'esistenza, in Via al Quarto Miglio, di un pensionato chiamato Oasi di San Francesco, che ospita 40 persone con serissimi problemi di autosufficienza. Pericolosa perché esponete le suddette persone, non sempre nella condizione di essere personalmente controllate, al rischio di un'uscita accidentale e di un possibilissimo danno alla propria persona e/o ad un danno all'eventuale conducente di un qualsiasi mezzo di trasporto. Tutto ciò senza considerare il consistente danno biologico derivante dal conseguente inquinamento derivante dagli scarichi dei numerosissimi veicoli che si troverebbero a transitare in quel tratto! Un'alternativa è già stata pensata: ed è il raccordo tra Viale Togliatti e Via di Vigna Murata. Penso che un'Amministrazione seria dovrebbe finalmente aprire gli occhi e provvedere a risolvere il problema alla radice. E non aggirare, come in questo caso e come ormai è consuetudine delle fallimentari Amministrazioni che l'hanno preceduta, problemi che si trascinano irrisolti da decenni! AUGURI E BUON LAVORO.

    • Via al IV Miglio era aperta... è stata aperta di recente anche dall'ex Presidente del X Municipio. Mi spiace per le persone non autosufficenti, ma non credo e mi sembra di non averle viste stazionare in mezzo alla strada. Per quanto riguarda l'inquinamento non penso che il traffico su via S. Tarcisio sia meno inquinante, cioè non credo che ci sia una barriera nell'aria che impedisca l'inquinamento... Lei per caso abita in quel tratto di strada?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Appio Latino: in fiamme appartamento, ragazzo trova riparo sul cornicione. Salvato

  • Cronaca

    Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

  • Politica

    Ater, stop alle occupazioni: videoserveglianza per alloggi ed attività commerciali

  • Cronaca

    Violenza sessuale fuori la discoteca: la 21enne stuprata da tre ragazzi in uno sgabuzzino

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro, bus e Cotral a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Atac: domani stop serale di Roma-Lido e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Attivi bus navetta

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

Torna su
RomaToday è in caricamento